VMware Player – Installare VMware Tools su Linux

Immagine
Se avete installato un OS sulla macchina virtuale di VMware Player, potete subito notare che la sua reattività è piuttosto scarna. Questo perché, come accade negli OS che installate su macchina reale, è sempre necessario installare i drivers di ciascuna periferica, al fine di sfruttarne tutto il potenziale. Non potete però applicare un ragionamento simile sulla macchina virtuale, in quanto essa “vede” soltanto le periferiche virtuali e non quelle reali (almeno inizialmente). Infatti, se provate ad installare un driver per una qualche periferica collegata al vostro PC, noterete che l’OS virtuale vi restituirà un messaggio di errore, oppure che l’installazione del driver stesso non si avvii proprio. Allora come è possibile far interagire la macchina virtuale con le periferiche collegate al PC, al fine di ottimizzarla (e di migliorarne la reattività)? Niente di più semplice, basta installare un pacchetto che VMware mette subito a disposizione, ovvero i VMware Tools. Basta questo piccolo software e vi ritroverete in un sol colpo tutti i drivers di cui avevate bisogno. Noterete perciò un esponenziale aumento delle prestazioni dell’OS virtuale. Vediamo come installarlo.
N.B. Rispetto a Windows, non è molto semplice installare questo software su Linux. Bisogna affidarsi al terminale. Inoltre la procedura può variare leggermente ad ogni distro di Linux, quindi seguitela con attenzione.
1. Per prima cosa, chiudete la macchina virtuale se l’avevate aperta.
2.  Nella colonna di sinistra, cliccate sulla macchina virtuale di Linux (nel mio caso Ubuntu); quindi, nella colonna di destra, cliccate sulla voce Edit virtual machine settings.
Immagine
3Dopo aver cliccato sulla voce CD/DVD (IDE), nella colonna di sinistra, assicuratevi che sia spuntata la voce Connect at power on, in alto a destra della finestra stessa.

4. Spuntate con un pallino la voce Use ISO image file, quindi cliccate sul corrispettivo pulsante Browse.
Immagine
5. Recatevi nella cartella di VMware (solitamente il percorso in cui è collocata è “C:\Program Files (x86)\VMware\VMware Player“, da usare soltanto se durante l’installazione del programma stesso avete lasciato il percorso predefinito), quindi selezionate l’immagine ISO linux, poi cliccate sul pulsante Apri.
Immagine
6Dopodiché cliccate su OK per confermare le modifiche.
Immagine
7. Ora selezionate la macchina virtuale, quindi avviatela cliccando sul pulsante Play.
Immagine
8. Recatevi nella cartella che racchiude tutti i dispositivi collegati al PC (il classico Risorse del Computer di Windows). Molte volte basta esplorare alcune voci del menu per trovare tale cartella. Ma nei migliori dei casi, la potrete già trovare sul desktop. O meglio ancora, troverete direttamente l’icona del lettore DVD virtuale.
9. Aperta la cartella, ci troveremo un pacchetto GZ. Fateci sopra un doppio click.
Immagine
10. Si aprirà il gestore dei pacchetti. Cliccate sul pulsante Estrai.
Immagine
11. Nella colonna di sinistra cliccate sulla scritta Scrivania, quindi in basso a destra cliccate sul pulsante Estrai. L’operazione durerà qualche secondo.
Immagine
12. Vi apparirà la finestra che vi conferma il successo dell’operazione. Cliccate sul pulsante Chiudi.
Immagine
13. Sul desktop vi apparirà la cartella denominata vmware-tools-distrib Immagine. Fateci sopra un doppio click.
14. Ora dovete aprire una finestra del terminale (che corrisponde al prompt dei comandi di Windows). Per farlo, cliccate sul pulsante Start del vostro Linux. Dopodiché esplorate tutte le voci, fino a trovare quella chiamata Terminale. Oppure, nel caso di Ubuntu, cliccate sul primo pulsante in alto a sinistra, quello che raffigura il simbolo di questo OS derivato da Debian Immagine. Quindi cliccate sulla voce Terminale.
Immagine
15. Nel terminale scrivete la parola sudo, poi date uno spazio con la barra spaziatrice.
 Immagine
16. Ora tornate alla cartella aperta nel passo 11. Trascinate il file vmware-install.pl nel terminale, cliccando e tenendo premuto il tasto sinistro del mouse su tale file.
Immagine
17. Vi apparirà una stringa simile a questa. è sufficiente premere INVIO per iniziare il processo di installazione.
Immagine
18. Confermate tale installazione digitando la password generale che avete scelto per Ubuntu. Dopodiché premete ancora il pulsante INVIO.
Immagine
Attenzione! I caratteri che digiterete non saranno visualizzabili, per cui scrivete la password con molta calma, perché se fate un errore è difficile cancellarlo. Se lo commettete, potrebbe esser necessario riaprire il terminale, eseguendo nuovamente i passi dal 14 al 17.
19. Da qui in poi il terminale vi domanderà di scegliere le operazioni da fare. Rispondete premendo sempre il pulsante INVIO. Vi potete accorgere delle domande dalla presenza del punto interrogativo e dalle scelte che vi mostra poco sotto la domanda. Le domande saranno parecchie, quindi state sempre vicino al PC!
20. L’installazione terminerà quando visualizzerete le stringhe Enjoy, the VMware team. A questo punto riavviate la vostra macchina virtuale, e vedrete che potrete usufruire di tutte le funzionalità messe a disposizione dal programma.
Immagine
N.B. Se volete riavviare sfruttando direttamente il terminale, potete digitare il comando sudo reboot. Se ve lo chiedesse, inserite la password generale di Linux.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *